La casa stampata in 3D in provincia di Ravenna

Duecento ore di stampa, 350 strati di 12 millimetri, 150 chilometri di estrusione e 60 metri cubi di materiali naturali per un consumo medio minore di 6 kW. Sono i numeri che sintetizzano il progetto Tecla, la prima abitazione ecosostenibile stampata in 3D grazie all’utilizzo di più stampanti in contemporanea, realizzata a Massa Lombarda, in provincia di Ravenna.

Progettato da Mario Cucinella Architects, con il modello innovativo di habitat ingegnerizzato da Wasp (che sta per World’s Advanced Saving Project e si dedica a sviluppare processi di costruzione basati sui principi dell’economia circolare e della fabbricazione digitale) mediante materiali riutilizzabili e riciclabili come la terra cruda, raccolti dal terreno locale, a zero emissioni e adattabile a qualsiasi clima e contesto. Ogni unità stampante, inoltre, ha una superficie di stampa di 50 metri quadrati, consentendo in tal modo di realizzare moduli abitativi indipendenti e di qualsiasi forma entro pochi giorni.

Prospettiva inedita per i nuovi insediamenti, dal punto di vista tecnico, gli autori sottolineano che Tecla presenta una soluzione a doppia cupola che ha permesso di ricoprire al contempo i ruoli di struttura, copertura e rivestimento esterno, così da rendere la costruzione performante sotto tutti gli aspetti. Conclusa la fase di stampa nei giorni scorsi, il progetto sarà presentato al pubblico la prossima primavera.

The post La casa stampata in 3D in provincia di Ravenna appeared first on Wired.