Cos’è Collab, la nuova app di Facebook per fare mix musicali

Collab è la nuova app di Menlo Park per creare musica collaborando con altri utenti (foto: Facebook)

Facebook sta lanciando un’applicazione pensata per far collaborare i musicisti nella creazione di un brano musicale tramite il mixaggio di video nei quali sono intenti a suonare uno strumento. Durante le fasi di lockdown sul web sono comparsi numerosi video che ritraevano i musicisti intenti a suonare singolarmente dalle loro case per poi, tramite la magia del montaggio video, dare vita a un concerto di gruppo. “Creare musica mentre siamo distanti”, è questo il cuore della nuova applicazione chiamata Collab che, come suggerisce il nome, sprona la collaborazione tra gli utenti.

L’utente può creare un video di breve durata registrando o mixando 3 fonti. In questo modo sarà possibile creare da soli un brano suonato con più strumenti. In alternativa gli utenti potranno usufruire dei video caricati da altre persone e presenti nel feed per aggiungerli alla propria creazione. Suona familiare? Ebbene sì, l’ispirazione sembra provenire proprio da TikTok. L’applicazione, appena lanciata in beta test per iOS, permette infatti di sfruttare i video presenti nel feed e caricati da altri utenti per crearne uno proprio.

Nella nuova applicazione dell’universo Facebook, per il momento,  i video possono essere pubblicati nel feed Collab dove qualunque utente, e non solo i propri follower, potrà vederlo e utilizzarlo per creare un proprio video originale. Con Collab è possibile navigare tra i contenuti caricati dagli utenti alla ricerca di una linea di basso, un ritmo alla batteria, un riff di chitarra o i vocalizzi di qualche cantante. Una volta individuati i video che stuzzicano la creatività è possibile farli propri mixandoli e dando origine a qualcosa di inedito.

Esempio di video creato sfruttando 3 differenti tracce video musicali (foto: Facebook)

I Collab sono composti da tre video indipendenti che vengono riprodotti in sincronia. Con l’app, puoi creare il tuo arrangiamento aggiungendo nella tua registrazione o scorrendo e scoprendo un arrangiamento per completare la composizione”, spiega Brittany Mennuti direttore del prodotto nel post della divisione sperimentazione nuovi prodotto (Npe) di Facebook, che aggiunge: “Non è richiesta esperienza musicale”.

Collab tiene memoria dei video adoperati e riconosce il giusto credito agli utenti coinvolti nella realizzazione del nuovo video. Ora bisognerà vedere se Collab farà breccia nel cuore dei musicisti e se la sua community aumenterà. Facebook, però, ha spiegato a The Verge che non sa ancora cosa potrebbe fare esattamente una nuova community con la possibilità di utilizzare e remixare i contenuti così liberamente. Bisognerà aspettare ancora per capire se Collab sarà destinata a diventare la rivale di TikTok di casa Menlo Park, nel frattempo gli interessati possono iscriversi alla lista d’attesa per diventare un utente della nuova applicazione.

The post Cos’è Collab, la nuova app di Facebook per fare mix musicali appeared first on Wired.