Netflix torna a trasmettere in alta definizione

1507280560_netflix-prezzi

Netflix ha iniziato il processo di ripristino della qualità video del suo streaming in alcuni paesi europei dopo che, durante i lockdown attivati dai vari stati, i governi avevano chiesto alla società di ridurre l’utilizzo della banda. Durante le quarantene i cittadini del vecchio continente si sono ritrovati a svolgere attività di smart working o ricreative impegnando le loro reti internet domestiche o mobili più del normale.

Per evitare che il crescente traffico di dati anomalo stressasse in maniera eccessiva le infrastrutture gli stati hanno chiesto alle principali aziende di compiere un piccolo sacrificio e rinunciare momentaneamente ai contenuti in altissima definizione il cui streaming avrebbe stressato eccessivamente la rete.

Netflix, YouTube, Facebook e tanti altri servizi che trasmettevano contenuti in 4K hanno fatto un passo indietro passando a una definizione standard dello streaming durante i picchi di attività online.

Ora, secondo quanto riportato da FlatpanselsHD, molti utenti tedeschi, danesi, norvegesi e di altri paesi europei avrebbero notato un aumento del bitrate dello streaming e Netflix ha poi confermato che la piattaforma starebbe “lavorando con i fornitori di servizi internet per aumentare la sua capacità”. “Solo nell’ultimo mese abbiamo aggiunto una capacità quattro volte superiore. Man mano che le condizioni migliorano, elimineremo queste limitazioni”, ha dichiarato Netflix in una nota.

Con l’uscita dalla fase 1 e l’inizio della fase 2 molti lavoratori stanno tornando negli uffici e, come mostra l’ultimo rapporto del Berec, il traffico sulle reti domestiche sta diminuendo. Netflix continuerà a sfruttare il suo strumento incorporato di streaming adattivo in grado di regolare automaticamente la qualità dello streaming video in base alla larghezza di banda accessibile.

The post Netflix torna a trasmettere in alta definizione appeared first on Wired.