Cosa significa volare in tempo di pandemia

Pochissime persone, a causa delle limitazioni imposte dai lockdown nel mondo, con le conseguenti ripercussioni sulle chiusure dei confini e le limitazioni agli spostamenti, hanno avuto occasione di volare in questi ultimi mesi. Le cose all’interno degli aeroporti e degli aerei stessi sono cambiate notevolmente: a testimoniarlo è un serie di scatti raccolti dal fotografo Justin Sullivan, che ha provato a raccontare i disagi, le paure, le preoccupazioni e la desolazione negli aeroporti e sui velivoli durante e dopo un volo da San Francisco al George Bush Intercontinental Airport di Houston, Texas.

La serie restituisce in maniera chiara e didascalica l’enorme crisi in cui versa il settore aereo, tra i più colpiti degli ultimi mesi, per il quale continuano a rincorrersi voci di possibili fallimenti in vista per tante compagnie, nonostante non manchino anche alcuni segnali incoraggianti arrivati nelle ultime ore.

The post Cosa significa volare in tempo di pandemia appeared first on Wired.