2 idee per salvare il lavoro nell’industria dello spettacolo

concerti

Tra i molti settori che a causa dell’emergenza Covid-19 si sono dovuti fermare per rispettare le misure di lockdown e di contenimento, quello dello spettacolo è stato certamente colpito nella maniera più diretta e nel suo complesso. Nella sospensione di concerti, tournée, festival e altre iniziative programmate in tutta Italia, non sono soltanto artisti, cantanti, attori, musicisti o registi a essere stati toccati dall’impossibilità di svolgere il proprio lavoro, ma anche tutta la filiera che sostiene e permette concretamente lo svolgersi di quegli eventi.

Così, dalla necessità di reimpiegare professionalità molto spesso d’eccellenza nei più diversi settori nasce #chiamatenoi, una piattaforma di servizi che riunisce professionisti della filiera degli eventi come per esempio montatori, elettricisti, ingegneri, tecnici audio, autisti, organizzatori, tecnici dell’edilizia e della cantieristica e molto altro. Nell’attuale situazione di emergenza, questi lavoratori si sono messi a disposizione per essere impiegati dalle istituzioni nell’allestimento, tra le altre cose, di strutture temporanee, nell’installazione di impianti elettrici oppure nella logistica e nel trasporto merci.

Come ricorda Emilio Simeone, tecnico audio e portavoce del progetto, “i professionisti dello spettacolo e degli eventi sono dotati di esperienza e competenze tecniche specifiche e ricoprono a 360° tutto il mansionario necessario per la costruzione da zero di strutture complesse, atte ad accogliere pubblico e grandi folle”. Anche per questo, dopo soli due giorni dal lancio della piattaforma l’iniziativa aveva già raccolto oltre 600 adesioni da parte di professionisti che hanno deciso di registrare il proprio profilo sul sito e mettersi a disposizione per diverse mansioni.

Inoltre, l’iniziativa rappresenta anche un modo per mettere in rete e in contatto tra loro lavoratori e professionisti che condividono le stesse competenze, ma per i quali ancora non esiste un’associazione di categoria in grado di coordinarli e rappresentarli integralmente.

Il mondo degli eventi

Va ricordato anche che nel complesso, il settore degli eventi, dello spettacolo, così come quello delle convention, dei congressi e delle fiere occupa in tutto il paese oltre 570mila lavoratori, in un’industria capace di generare un indotto da 65,5 miliardi di euro. E per evitare che questa macchina si fermi completamente si è mobilitato fin da subito anche il mondo del digitale, con la creazione di piattaforme per la virtualizzazione degli eventi e la loro trasmissione.

Tra queste, il prossimo 6 maggio debutterà in Italia la piattaforma LiveForum.space, creata dalla società italiana di marketing Mmm Group e concepita come spazio digitale in cui organizzare e gestire con tecnologie innovative diversi eventi che non si possono più tenere in presenza a causa delle misure di distanziamento. In questa fase, durante gli eventi digitalizzati che utilizzeranno la tecnologia di LiveForum.space, sarà possibile effettuare visite virtuali a stand fieristici online, oltre a partecipare a forum, workshop e webinar in streaming e direttamente dalla stessa piattaforma.

Il primo evento in Italia a svolgersi interamente sulla piattaforma messa a punto da Mmm Group sarà il Netcomm Forum 2020, tra gli eventi di riferimento nel nostro paese per quanto riguarda il settore dell’ecommerce, del retail digitale e dell’innovazione business, che si terrà dal 6 al 7 maggio interamente online e vedrà la partecipazione di oltre 171 aziende e più di 500 espositori connessi da remoto.

The post 2 idee per salvare il lavoro nell’industria dello spettacolo appeared first on Wired.