Capodanno cinese: la più grande migrazione mondiale

Più di tre milioni i cinesi in viaggio per raggiungere la famiglia d’origine e festeggiare la ricorrenza. Il 2017 è l’anno del Gallo

Il Capodanno cinese è un enorme business. Perché i cinesi, studenti e lavoratori, tornano a casa. Perché di fatto dura 40 giorni, durante i quali quest’anno si faranno tre miliardi di viaggi. Secondo i media di stato, 2,5 milioni saranno i passeggerri via terra, 356 milioni quelli che useranno il treno, 58 milioni si sposteranno in aereo, 43 milioni via mare.

Le agenzie viaggio parlano di mille biglietti emessi ogni secondo. Ciascun viaggiatore percorrerà di media 410 chilometri. Le compagnie aeree aspettano questo periodo come manna dal cielo visto che arrivano al 20 per cento del fatturato annuale. ‘Alitrip’, portale di viaggi che fa capo ad ‘Alibaba’, ha comunicato di essere già a 13,5 miliardi di euro di transazioni. In questo 2017, secondo le stime, sei milioni di cinesi sceglieranno anche di uscire dai confini nazionali, per una spesa media di oltre 1.300 euro a biglietto.

Il Capodanno cinese, che è caduto ufficialmente il 28 gennaio, è in realtà una vera e propria festa di primavera. Si chiama ‘chunyun’ ed è la più grande migrazione annuale dell’umanità. E’ la fine dell’inverno, il risveglio della terra nel calendario lunare. Le città si svuotano, i negozi chiudono uno dopo l’altro. Le metropoli assomigliano a città normali, le campagne si rianimano. Si mangiano i jiaozi (i ravioli) nella settimana clou, 700 milioni di spettatori guardano il Gran Galà. Quest’anno, la Cina è entrata nell’Anno del Gallo e sono stati vietati i fuochi d’artificio. Colpa dello smog.

Tutto il resto, però, è uguale. Per strada si cambiano la lanterne, sulle porte compaiono caratteri bene augurali e si regalano soldi. Una volta nelle caratteristiche buste rosse, adesso tramite smartphone e pagamenti online (l’anno scorso ben otto miliardi, cifra record).

FONTE: http://www.italyjournal.it/2017/01/29/capodanno-cinese-la-piu-grande-migrazione-mondiale/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *