Nokia pronta per nuovi cellulari, i dipendenti per gli scatoloni

A breve distanza dal rientro nel mercato degli smartphone, seppur con un complesso giro societario, Nokia ha fatto di nuovo notizia per aver annunciato il licenziamento di altri mille dipendenti esclusivamente in Finlandia. L’azienda lascerà infatti a casa il personale di diverse divisioni soprattutto entro la prossima estate. Gli uffici più colpiti saranno quelli di Espoo, quartier generale del gruppo scandinavo. L’annuncio è passato inizialmente in sordina, perché effettuato venerdì sera con un comunicato diffuso esclusivamente in finlandese. Il nuovo round di licenziamenti segue quello di aprile, quando Nokia aveva confermato il taglio di circa 1.300 dipendenti sempre nel proprio Paese di origine. Ma le cronache giornalistiche di quei giorni si erano arricchite anche di altre indiscrezioni, che descrivevano la società in procinto di licenziare un totale di 15mila persone in varie parti del mondo.

Voci di corridoio per ora rimaste tali, ma che trovavano una possibile base di verità nell’ultima trimestrale dell’azienda, in cui i vertici avevano accennato a un piano di ristrutturazione da quasi un miliardo di dollari per facilitare la fusione con Alcatel Lucent. Si vedrà. Al momento, l’unica certezza è che Nokia a breve tornerà sul mercato con nuovi modelli di smartphone e di tablet, grazie a un accordo con Hmd, società di private equity appena costituita che verrà diretta da ex dirigenti Nokia.

A cui si aggiungeranno anche alcuni colletti bianchi di Microsoft, da diversi anni ormai legata a doppio filo al brand finlandese in seguito all’onerosa acquisizione del business dei cellulari da parte di Redmond. Il colosso statunitense, anticipando di poco l’annuncio di Nokia, ha confermato la scorsa settimana di aver ceduto la divisione dei feature phone a Fih Mobile, una succursale di Hon Hai/Foxconn Technology Group e della stessa Hmd. L’operazione ha un valore di 350 milioni di dollari.

Hmd sarà il licenziatario esclusivo su scala globale (Giappone escluso) di tutti i nuovi dispositivi mobili a marchio Nokia, per i prossimi dieci anni. Il Ceo della compagnia sarà Arto Nummela, attualmente il numero uno delle attività Mobile Devices di Microsoft per Greater Asia, Middle East and Africa. In base all’accordo, Nokia Technologies riceverà da Hmd le royalties a seguito della vendita di prodotti di telefonia mobile a proprio marchio, a copertura dei diritti di proprietà intellettuale e di branding.

Fonte: http://www.ictbusiness.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *