Cuori pulsanti di animali, pubblicità choc contro i prodotti in pelle

Da anni la Peta (People for the Ethical Treatment of Animals) conduce campagne contro l’utilizzo della pelle animale per i prodotti di abbigliamento e non solo. L’agenzia Ogilvy & Mather Advertising Bangkok, in collaborazione con la sede asiatica dell’organizzazione animalista, ha aperto un finto negozio in un centro commerciale di Bangkok (Thailandia).

Alcune donne entrano in un negozio di lusso, aprono le borse, provano guanti o le scarpe, tirano giù la zip di un giubbotto. In ogni prodotto scoprono un cuore pulsante e le viscere degli animali. Un modo forte, choccante per far aprire gli occhi a chi non si chiede come quei prodotti vengono realizzati.

«In Thailandia i coccodrilli vengono stipati in condizioni disumane prima di essere sottoposti a crudeli pratiche di macellazione – scrive la Peta – Una borsa di dimensioni medie richiede l’abbattimento di almeno quattro coccodrilli. I serpenti non soffrono meno: ad alcuni di loro vengono forzate le mascelle e vengono pompati con dell’acqua in modo che la pelle venga rimossa più facilmente. Promettete di non indossare».

Fonte: www.lastampa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *